• antropologicamente diverso

  • Commenti recenti

    Anonimo su Eccone un altro
    a. su Aiutiamoli a casa loro
    antoniovota su Aiutiamoli a casa loro
    Pier su Aiutiamoli a casa loro
    Roberta Rubessa su Morte dignitosa un cazzo!
  • Categorie

  • Archivio

  • Archivio foto e vignette

  • Legge bavaglio sull’informazione. Obbligo di rettifica

    Tutto quello che leggete qui io non l'ho mai detto, non l'ho mai scritto, non l'ho mai nemmeno pensato. E' tutto un complotto della sinistra, le solite manipolazioni di questi disgraziati. Insomma rettifico tutto, sono stato frainteso.
  • Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.I

    I curatori di Votantonio (che poi sarebbe solo uno, lui) declinano ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete e dai normali organi d'informazione, persino da quelli di rai e mediaset. I testi vengono redatti da soggetti (sempre uno, sempre lui) evidentemente incapaci di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che qualche volta hanno votato per Pannella e per Rifondazione. Il blog è attivo da gennaio 2006, non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del webmaster, la pazienza della sua compagna, e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate.
  • Sono passati di qui

    • 81,910 comunisti nullafacenti

Beh? Che c’è di tanto strano?

Ora tutti si stupiscono che  irrenzi voglia andare a governare insieme a berlusconi. Come se fino a ora avesse governato con Landini.
Ma secondo lorsignori uno che ha sempre detto “voglio andare a prendere i voti della destra”, uno che abolisce i più elementari diritti dei lavoratori, uno che ha il suo riferimento in marchionne, uno che si fa scrivere le leggi da confindustria, uno che vuole calpestare la Costituzione, uno che se ne guarda bene da toccare conflitti di interessi e corruzioni, ma soprattutto uno che da anni GIA’ GOVERNA CON bERLUSCONI grazie ai verdini e agli alfani con chi cazzo pensate che lo voglia fare un accordo?

Devono essere gli stessi che si straniscono anche per le intercettazioni di graviano che parla di favori a berlusconi. Ma sono solo io che mi ricordo di questo striscione allo stadio di Palermo?

41bis-striscione

Annunci

Morte dignitosa un cazzo!

Andate a dirlo ai giudici e alle scorte ammazzate da quel macellaio, se è stata una morte dignitosa, la loro.

Ma un vaccino contro l’imbecillità no eh?

Il bugiardo del consiglio per una volta ha parlato chiaro e ha dato ai suoi sgherri un ordine preciso: “I vaccini devono essere la Consip dei Cinquestelle!”.
No dico, lo ricordo a chi si dovesse chiedere che senso abbia una legge che prevede obblighi così estesi (dodici profilassi! prossimo passo le unghie incarnite) e pene così assurde (revoca della patria potestà! manco ai mafiosi). Semplice no? Una bella imposizione accazzodicane impossibile da accettare (e soprattutto da far rispettare) in modo da poter poi puntare il dito verso i contrari.
E già che ci siamo anche un bel regalo alle lobby dei farmaci, che quelle è meglio tenersele buone.

Notizie

Riapro i giornali dopo una settimana e trovo:

berlusconi prende per il culo Macron per via della moglie più grande e la chiama “la sua mamma”. Cioè, lui che pagava troiette delle quali poteva essere il nonno.

A un indiano viene negato, giustamente, il permesso di portare un pugnale sacro. Pollo, bastava dicesse che era per legittima difesa.

Arrivano i potenti al summit di Taormina e come per incanto gli sbarchi degli immigrati vengono bloccati.

irrenzi e i suoi scherani vanno a pulire le strade di Roma. Bene, perché non tornate anche i prossimi giorni senza telecamere?

Hanno trovato cocaina in Senato e qualcuno si stupisce. Si vede che non si ricordano di quel tale Giuseppe Martello che già quindici anni fa la portava tranquillamente al senatore Emilio Colombo (così disse lui, all’epoca ultraottantenne!)

Spengo tutto e riparto.

Questo però le cazzate le spara anche di giorno

Dice il bugiardo del consiglio, altro incapace cronico, che la legge è un pasticcio e si augura che il senato la cambi. Ma non era lui che il senato lo voleva abolire?

Ma si può essere più incapaci?

Lasciamo perdere le facili battute sugli orari diurni o notturni dei delitti (che però la dice lunga sull’imbecillità cronica di questi raccattati), lasciamo perdere anche i facili paragoni con l’inutile e deleteria esperienza americana dove le armi ce l’hanno pure i ragazzini, ma vi rendete conto che queste testedicazzo del pd pur di cercare il consenso di due leghisti indecisi stanno impostando la campagna elettorale rincorrendo in ogni campo i peggiori argomenti della peggior destra? Cioè, ma davvero questi coglioni pensano che i pistoleri voteranno per loro anzichè per salvini.

Ma non potremmo chiuderli in una stanza e che se la sbrighino tra loro?

17trumpkim

 

Ops… che disdetta!

Occazzo, i lavoratori Alitalia hanno detto la loro. Si sono espressi. E quel che è peggio non nel senso che tutti, eccetto loro, avrebbero voluto. Ancora a chiedere diritti mannaggia, e basta co ‘sti cazzo di privilegi! Uno stipendio vogliono questi, vi rendete conto?

Otto miliardi di euro di soldi pubblici sono stati dati a questa ditta privata, dei quali molti milioni sono andati in retribuzioni buonuscite e liquidazioni a supermanager presidenti e amminisitradori, da cimoli a montezemolo. E la cordata di berlusconi che nel 2008 bloccò gli accordi con Air France per meri interessi elettorali ve la ricordate vero? Già, però la colpa del fallimento è dei lavoratori e dei sindacati, come sempre.

Ma porcamadosca, che queste merde paghino di tasca loro! (ecco, già sento il coro: “il solito demagocico!”. Eccerto, quello che l’anno scorso a reti unificate diceva “Accordo raggiunto! Con Alitalia vola l’Italia!” invece è un grande statista)

Pazzi

Mentre qui ci stiamo arrabattando per capire come fermare ‘sti macellai dell’isis, vorrei solo far notare che il mondo è in mano a queste testedicazzo qui sotto.

17pazzi

Rimango in trepida attesa

L’altra sera ospite a Ottemmezzo c’era una delle tante inutili ancelle d’irrenzi, tale alessandra moretti mi pare, ma potrebbe essere stata anche la pecora Dolly, lo spessore politico è lo stesso.
Insomma, ‘sta tipa commentando la nuova moda delle fake news e cavalcando la vecchia moda di attaccare il M5S dipingendolo come responsabile di tutti i mali del pianeta, prima ha sparato la balla di un bambino romano morto per il morso di un topo, poi ha accusato la Raggi per il cinghiale a spasso per la città, mancava solo che dicesse che le è scappato dal guinzaglio.
Stamani ho letto questa notizia.
Tutte le agenzie sono allertate, pronte per divulgare l’atteso duro attacco della nostra paladina protrettrice di roditori e ungulati contro il sindaco di Firenze Nardella, contro tutto il di lui partito, e perché no contro le giunte comunali che lo hanno preceduto.

No, davvero, ma come si fa?

Il bugiardo del consiglio, quello che se perdo vo a casa, quello che enrico stai sereno, quello che l’art. 18 non si tocca, ha già ricominciato a occupare militarmente le televisioni (tra parentesi: non ho ben capito a che titolo) e soprattutto a raccontare altre balle. Con sprezzo del ridicolo ha accusato di falsità i giornalisti del Fatto Quotidiano, lui! ahahah, senza peraltro specificare quali fossero le notizie false e soprattutto senza che il giornalistone mieli lì accanto la smettesse almeno di tenergli bordone. Nel suo solito blaterare senza argomentare ha addirittura annunciato querele e richieste di danni.
E se invece glieli chiedessimo noi?

Ghostwriter

Il bugiardo del consiglio spesso, anzi sempre, parla per slogan e frasi fatte, solo che chi gli scrive i testi non mi pare una gran volpe. L’ultima che ripete spesso è che “da noi il primo che ti pugnala alle spalle è il tuo compagno di partito”. “E’ quello che pensa anche Enrico Letta”, basterebbe rispondergli.
Ultimamente poi, dimostrando grande abbondanza di argomenti,  si riferisce al suo prossimo avversario premier Di Maio chiamandolo “Mister Congiuntivo”. Suggerirei a Di Maio di rispondergli chiamandolo che so, “Mister Parola Data”, o meglio ancora “Mister Referendum”.