• antropologicamente diverso

  • Commenti recenti

    Antonio F. su Ameba
    Antonio F. su Testacoda
    antoniovota su Testacoda
    Antonio F. su Testacoda
    Antonio F. su Circotogni
  • Categorie

  • Archivio

  • Archivio foto e vignette

  • Legge bavaglio sull’informazione. Obbligo di rettifica

    Tutto quello che leggete qui io non l'ho mai detto, non l'ho mai scritto, non l'ho mai nemmeno pensato. E' tutto un complotto della sinistra, le solite manipolazioni di questi disgraziati. Insomma rettifico tutto, sono stato frainteso.
  • Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.I

    I curatori di Votantonio (che poi sarebbe solo uno, lui) declinano ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete e dai normali organi d'informazione, persino da quelli di rai e mediaset. I testi vengono redatti da soggetti (sempre uno, sempre lui) evidentemente incapaci di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che qualche volta hanno votato per Pannella e per Rifondazione. Il blog è attivo da gennaio 2006, non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del webmaster, la pazienza della sua compagna, e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate.
  • Sono passati di qui

    • 112.460 comunisti nullafacenti

Ameba

Ma sì, continua a fare una cazzata dietro l’altra, imbarca anche casini, così per essere ancora più sicuro di affondare.
A questo punto tanto vale che ti allei direttamente con rutti e pesciaole, almeno potrai dire di aver vinto.

Testacoda

Allora, facciamo a capirsi, dico a te che “e capirai che problema sarà la fiamma tricolore”: quella cazzo di fiamma tricolore non è un fiammifero, simboleggia la luce che sta sulla tomba di mussolini! E’ chiaro? Hai presente? Sai chi era? Suffragio universale una sega, la patente, PER VOTARE CI VUOLE LA PATENTE!

Detto questo: ieri una tizia tutta casa, chiesa, cristianità, famiglia tradizionale, ma NON sposata, ha fatto il giro delle sette televisioni per mostrare la sua mercanzia. In tutte le lingue. Brava devo dire, in inglese di sicuro meglio del testadirenzi. Anche in spagnolo molto pacata e rassicurante, strano, di solito quando sta sul palco dei fascistones di vox strilla come un’invasata contro Europa, immigrati e LGBT.

E insomma, a lingue unificate ha detto che lei col fascismo ha chiuso da decenni (alle sue spalle i sallusti e i senaldi non sapevano come fare a non ridere, vabbè). Dopodiché 5 minuti dopo ha detto che la fiamma tricolore rimane nel simbolo perché ne è FIERA. Cioè, un testacoda che nemmeno Leclerc a Silverstone.

Ecco, vorrei chiedervi, a voi che vi piace tanto il pesce: ma a una che racconta palesemente stronzate come fate a credere che le orate e i branzini che vi propone siano freschi appena pescati?

(Un consiglio: annusateli. Hai voglia a sciacquarli, il tanfo di fogna rimane anche dopo decenni)

Ingoiatori seriali vol. 2

Che a promettere legalità siano quelli che candidano un pregiudicato alle due massime cariche dello Stato, che a pontificare sui fondi europei siano quelli che hanno votato contro il PNRR, che a consegnare alla storia il fascismo siano quelli che ostentano simboli fascisti fa abbastanza rid… incazzare. Ma il popolo di destra, ancor più di quello del pd, da sempre ingoia questo e altro. D’altra parte si sa, non può esistere un politico migliore dei suoi elettori.

Più che la coerenza potè il seggio

“La leopolda è una cosa straordinariamente bella”

“Di renzi e dei suo grande centro non me ne frega nulla. Faccia il suo centro con toti, suo zio, suo cugino”

“La mia porta continua a essere spalancata al dialogo con toti, ultimamente ho visto più lui di mia moglie”

“Renzi farà un accordo col pd, otterrà qualche seggio, ma non farà parte della mia area”

“Il suo centro è un fritto misto che sta di qua o di là a seconda di cosa gli offrono”

“Mi vergogno di aver lavorato con un presidente del consiglio, parlo di renzi, che si sta rimangiando tutto”

“Ritengo che matteo renzi sia stato il miglior presidente del consiglio dai tempi di De Gasperi”

“Non farò politica con renzi perché mi fa orrore! Devo essere più chiaro? Me lo devo scrivere qua?”

“L’ho detto diciotto milioni di volte: non mi alleo con renzi!”

“Il modo di fare politica di renzi mi fa incazzare, è una persona che dice una cosa e ne fa un’altra”

“Ringrazio matteorenzi per la generosità. Adesso insieme”

Ingoiatori seriali

“Letta è stato proprio un pollo nell’affare calenda” mi scrive un amico.

Nell’affare calenda? Perché negli ultimi 25 anni è stato un genio? Lui e il suo partito? Da berlusconi in poi sono sempre stati complici della peggiore destra d’Europa, non hanno mai cancellato una sola delle sue leggi porcate, tra bicamerali e governimonti vari hanno sempre fatto di tutto per farla risorgere e tenerla ben salda in sella. E ora c’è voluto il voltafaccia di calenda per capire che quello dell’ameba era l’ennesimo suicidio?

Letta ha fatto esattamente quello per cui è stato messo lì, cioè togliere di mezzo Conte. Sono anni che da sinistra invochiamo un cosiddetto polo progressista, ma questo nulla, dopo il frodatore fiscale s’è messo a rincorrere rutti e pesciaiole. O sei un coglione o sei in malafede, e non so quale sia la cosa peggiore.

Ma ci sono anche altri, caro amico, che non sopporto: quelli come te, che di questo schifo di pd avete ingoiato e ingoiate tutto: testedirenzi, rosatellum, cancellazione articolo18, jobsact, legge cartabia, condoni, vitalizi, TUTTO! Adesso fate finta di fare gli schizzinosi, ma dopo aver ingoiato dimaio, tabacci, bonino, avreste ingoiato tranquillamente anche calenzi, carfagna, brunetta, gelmini!

Che letta se ne torni presto alla Sorbona e che il pd se ne vada a fare in culo. Ma anche voi, fate la cortesia, seguitelo.

Abbiate la decenza di tacere!

“La legge elettorale peggiore di sempre” dicono dal pd.

L’avete fatta voi. L’AVETE FATTA VOI, CAZZO!

Circotogni

No vabbè, par d’essere ai’ circotogni! Il carlo enricobottini calenda fa un accordo con l’ameba e il giorno dopo se lo rimangia e va col testadirenzi che aveva sfanculato la settimana scorsa il quale col pd voleva andarci lui ma ora non lo sa più e forse vuole andare con brunetta ma conoscendoli ci sta che ci ripensino perché fanno gola quei seggi che al mercato mio padre comprò.

Un altro campione di coerenza, tal paragone, quello che passa dalla lega ai 5S ai testedinovax, ai noeuro, ai no formaggiosullacarbonara, a alternativa (chi?), poi si accorge che non ha le firme (bastava leggesse le regole elettorali) e allora se la prende con gli altri e se le fa cercare da quelli di punodɐsɐɔ.

L’ameba, pur di spaccare il fronte progressista che era l’unico argine ai fasci, rompe coi Cinquestelle (troppo di sinistra), raccatta enricobottini, raccatta l’apemaio maiconbibbiano, raccatta i forzitalioti, raccatta le bonine, raccatta rimasugli verdastri, raccatta figure di merda ovunque, fa incazzare metà del suo elettorato e ora si trova con tabacci in mano e meno voti di adinolfi. Un genio.

In una trasmissione tv un’esponente del Movimento avanza l’ipotesi (una certezza n.d.r.) che l’apemaio è soci se ne siano andati per sperare in un terzo mandato e non restituire metà stipendio, il conduttore anziche chiedere ai diretti interessati “scusate, ma rinuncerete comunque al terzo mandato e a metà stipendio?” accusa di populismo la Cinquestelle.

Dall’altra parte regalano dentiere, riesumano meno tasse per Totti (letteralmente con la flat-tax), fanno saluti romani e marciano su Roma.

Intanto tutti condannano la sciagurata legge elettorale dimenticandosi che non è che sia piovuta dal cielo ma l’hanno voluta fatta e votata proprio loro.

Al momento l’unico di questa cloaca al quale presterei il motorino è Conte. Ci sto pensando, sempre che da quelle parti selezionino i candidati con un minimo di attenzione in più dell’ultima volta. Ma per convincermi a tornare apposta dalla Sicilia per votare devono essere buoni parecchio.

Motivi

“Farò di tutto per non far vincere questa destra!” (“compreso allearmi con i loro scarti per essere sicuro che vinca comunque” n.d.r.)

Ora, Ameba, ascoltami bene, guardami, segui il labiale: se la destra vince i motivi sono due: primo, che l’Italia è un paese profondamente fascista, basta leggere la storia, ma non quella del secolo scorso, quella degli ultimi trent’anni!

Secondo, perché in trent’anni appunto, il pd non le ha mai fatto opposizione, anzi, ha fatto di tutto per sostenerla! (“D’Alema di’ qualcosa di sinistra!”) E che oggi a contrastare l’ascesa di rutti e pesciaiole ci siate ancora voi che ne siete i principali responsabili, fa abbastanza ridere, se non facesse piangere. Che poi per fare finta di contrastarla vi alleiate con i loro scarti fa proprio incazzare.

Ah, cari Fratoianni e Bonelli, il solo fatto che anche voi abbiate dei dubbi se stare con Conte o calenda la dice lunga sulla vostra complicità.

Per favore risparmiaci l’agonia

Ieri sera mi è capitato di sentire Ameba staisereno Letta che spiegava come il suo nauseabondo mappazzone ha l’unico scopo di non far prendere il 66% dei voti ai fasc… ai topidif… insomma a quelli lì. Alla domanda su che tipo di ragionamento abbia fatto per pensare che l’Apemaio bibbianese gli possa portare un voto in più anziché uno in meno non ha risposto. Men che meno sui programmi, anche perché nessuno gli ha fatto LA domanda.

Ok ci penso io.

Scusi Ameba, prendiamo qualche argomento a caso: jobsact, ius soli, ius scholae, unioni civili, aborto, stato sociale, scuola pubblica e privata, sanità pubblica e privata, lotta all’evasione fiscale, limite contanti, fonti energia rinnovabili, nucleare, trivelle, politiche del lavoro, investimenti, contratti, salario minimo, reddito di cittadinanza, eutanasia, fine vita, pensioni, giustizia, prescrizione, anticorruzione, indipendenza Magistrati, diritti civili, ok mi fermo sennò si fa buio.

Bene, ora prendiamo il mappazzone coi calendi, dimai, testedirenzi, bonini, brunetti, carfagni e vari altri ministri berlusconiani, cioè gente di destra che sappiamo tutti benissimo come la pensano su quegli argomenti.

Mi spiega perché mai uno che ha a cuore una visione di sinistra dovrebbe votare per una coalizione con dentro quella gente lì? E mi spiega perché mai uno di destra dovrebbe votare i vostri scarti anziché gli originali?

A fine intervista l’Ameba ha chiesto a Diego Bianchi di Propaganda: “Ma il 26 settembre mi riprendete?”. Tradotto: dopo l’inevitabile disfatta mi dimetterò.

E allora non potrebbe farlo subito così ci risparmiamo l’agonia?

Lo squadrone che tremare il mondo fa

Praticamente la partita del 25 settembre si giocherà tra la Dinamo Destra contro gli scarti della Dinamo Destra. Ma lo sapranno questi in quale porta devono tirare?

Tanto per essere chiari

Oggi l’ologramma di enricoletta, per gli amici “Ameba”, un vero trascinatore di masse, un carisma che è più attraente stare a vedere una colata di cemento che si indurisce che a sentirlo parlare, una visione e lungimiranza che in confronto Cesira La Talpa è più acuta di un’aquila reale, ha detto (restando serio): “Campo largo con – sentite bene – renzi, di maio, calenda, brunetta, e qualsiasi altro raccattato dalla piena che mi abbia perculato in questi anni”. Cioè tutti basta che non ci sia Conte, così, tanto per essere sicuri di non far torto al Sistema e di portare i fascisti al governo in carrozza.

Spiegazione

Sì, ma cosa intendi per Sistema, con tanto di S maiuscola? Perché personalizzare così qualcosa di astratto sa tanto di generalizzazione e semplificazione.

Te lo spiego subito: l’altra sera c’era la gelmini in tv, e le è stato chiesto: “E adesso cosa farà?”. E lei senza batter ciglio: “Mah adesso vedremo… l’agenda draghi… un polo liberale… la ricollocazione…”. E i giornalisti (?) ad annuire come se nulla fosse.

Ricollocazione un cazzo! L’unica risposta decente doveva essere che se ne va a casa a fare la mamma, che farà domanda come cassiera al supermercato, o che si godrà pensione e vitalizio alla faccia nostra, ma tutto meno che continuare a stare in parlamento! Ecco cos’è il Sistema! E’ questa gente che tra un rutto e l’altro non ha mai lavorato in vita sua e pretende di pontificare su contratti e salari. E’ quello che non si ritira mai mai mai dalla politica, nemmeno se lo promette, nemmeno se trasforma in merda tutto quello che tocca, nemmeno se ha meno voti del gabibbo. E’ quello che quando va in corteo coi gilet gialli è uno scappato di casa, ma che appena salta sul treno della confindustria diventa uno statista. E’ l’AD dell’azienda di telecomunicazioni che dopo averla fatta fallire va a fare l’AD dell’azienda di trasporti che dopo averla fatta fallire va fare l’AD dell’azienda bancaria che dopo averla fatta fallire e via così ad libitum.

Ti è chiaro o ti faccio un disegnino?